DONOLATO DR. DANILO

interventi di rinoplastica

rinoplastica

L'intervento di rinoplastica consente di modifica la forma del naso correggendone i difetti. Durante la visita preliminare all'intervento è importante discutere col medico delle proprie aspettative e valutare le diverse possibilità, anche con l'aiuto di modificazioni eseguite al computer, così da valutare vedere quale sia la soluzione migliore e quella più adatta al proprio viso e ai propri lineamenti. Generalmente la rinoplastica estetica non influisce sulla respirazione, non viene cioè modificata la funzionalità nasale; nel caso in cui, prima dell’intervento, sia però presente una difficoltà respiratoria, può essere preso in considerazione un intervento associato di settoplastica.

l'intervento e il post-operatorio

L'intervento viene solitamente effettuato dall'interno, quindi non dà cicatrici visibili. La rinoplastica completa viene eseguita presso la clinica “Casa di Cura Eretenia” a Vicenza, con una notte di degenza se necessario; è generalmente indolore anche nel post-operatorio. Il solo disagio è causato dai tamponi nasali che impediscono la respirazione (come quando si ha il raffreddore) e che dovranno essere tenuti per due giorni. Nel post-operatorio, per circa una settimana, sarà necessario indossare una placchetta o un gessetto e quasi sicuramente si manifesteranno delle ecchimosi con gonfiore attorno agli occhi che perdureranno per una decina di giorni. Se la rinoplastica non è completa e interessa quindi solo il rimodellamento della punta, l’intervento può essere eseguito in anestesia locale e nel post-operatorio, sempre indolore, si manifesterà solo un gonfiore dell’aria trattata. Per il primo periodo la punta nasale potrà risultare leggermente gonfia e proiettata verso l’alto, ma si normalizzerà successivamente. Per poter valutare il risultato definitivo bisognerà attendere alcuni mesi, anche se può essere già intuibile dopo un mese e mezzo; in ogni caso i tempi di guarigione sono soggettivi e variano a seconda dalle caratteristiche individuali dei pazienti.

Share by: